La Palma del Madagascar



State tranquilli, non mi trovo sull'isola misteriosa del romanzo di Jules Verne! Nonostante il suo aspetto misterioso e un pò preistorico, sono sempre nel mio piccolo giardino.
Questa pianta succulenta arriva comunque da un isola: il Madagascar.
Non che io ci sia stato (anche se devo ammettere che mi piacerebbe molto)! La si trova facilmente in commercio ed il suo nome è Palma del Madagascar, infatti il Pachipodio (dal greco "pachis" grosso e "podos" piede) è diffuso appunto in quest'isola e in Africa meridionale.
E' una pianta caratterizzata da un fusto succulento con base allargata che verso l'apice si restringe. Da quest'ultimo spuntano le foglie coriacee di un color verde brillante.



Il Pachipodium nei paesi di origine e dove il clima lo consente, oltre a raggiungere vari metri di altezza, durante il periodo estivo produce una vistosa fioritura che, a seconda della specie, varia dal bianco al rosso all'arancio. Purtroppo viste la nostre latitudini e anche al fatto che vegeta in vaso, dubito che riuscirò mai a vederla; comunque, se volete farvi un'idea, nel post Jardin de Cactus potete vedere un esemplare fiorito.
Tra le varie specie, la più diffusa è senza dubbio il Pachypodium Lamerei (la mia dovrebbe essere proprio quella) ed è caratterizzata dalle grosse spine presenti sul fusto e dalla fioritura bianca.



Qualche consiglio sulla sua coltivazione:
innanzitutto la terra. Il terriccio universale va benissimo, ma va mescolato a sabbia e lapilli per renderlo il più permeabile possibile.
Infatti il terriccio poco drenato e un eccesso di annaffiature, possono causare delle malattie fungine, quindi va bagnato soltanto quando il terreno è ben asciutto.
In estate vegeta benissimo all'aperto in posizione soleggiata, mentre in inverno non tollerando le temperature sotto i 10°-13°, va portato in casa in luogo luminoso e non umido (anche con sole diretto) ma sempre e comunque lontano da fonti di calore.
Lo si può moltiplicare per seme, ma risulta essere un'operazione molto difficile.

10 commenti:

  1. Ne ho già fatti morire due... Quando lo porto in casa d'inverno fila e patisce troppo. Ci rinuncio.

    Ma il tuo è bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nik, anche a me ne è morta una, ma mi è durata circa 6 anni!
      Questa è con me da 2... spero resista almeno come la prima!!!
      In inverno la porto in casa, vicino ad una finestra e fino ad ora non ho avuto problemi. Forse dove la mettevi non riceveva abbastanza luce?

      Elimina
  2. Dalle prime due foto pensavo che nei tuoi 25mq di giardino avessi anche una palma-vero grande albero, oltre a tutte le piante che ci vai mostrando...è molto interessante, non la conoscevo, grazie per avercene parlato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. He he! L'intento era quello!!! Volevo sembrasse enorme! Invece sarà sui 25 cm di altezza. Nei luoghi di origine arriva anche ai 6 metri: uno spettacolo!!! E i fiori li hai visti??? Sono bellissimi.
      Ciao

      Elimina
    2. Comunque anche se in ritardo con gli anni per la conversazione ..il mio orgoglio mi fa dire che io ne possiedo una da oltre 20 anni.Comprata cmm 25 con figlia accanto ,tenuta a casa primi anni ,poi crescendo messa in balcone ,trapiantata grande vaso,esposizione ad est ...quella avevo.Sempre magnifico fogliame .Alta 2 metri e mezzo ed anche oltre .da tre anni fiorisce ,bellissimi fiori bianchi.Ma si è suddivisa in tanti rami dopo la fioritura e le testone di foglie si sono ridotte...Ecco.orgoglio di madre.

      Elimina
  3. Ciao, spero che nonostante siano passati tre anni dall'ultima risposta, tu mi possa aiutare. Ho una palma del Madagascar da quasi tre anni, ma a quanto pare questa primavera/estate ha deciso di non dare assolutamente foglie. Fino a fine aprile l'ho tenuta in casa, poi l'ho portata fuori, non alla luce diretta del sole ma in un punto ben aerato e illuminato. Vorrei capire se devo considerarla morta (sebbene guardandola con attenzione non veda traccia di parassiti o malattie) o se posso attuare qualche manovra per riportarla agli antichi splendori!
    Grazie in anticipo e complimenti per la tua!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani e benvenuta sul mio blog!
      Allora, non so se sono in grado di darti una risposta che ponga fine hai tuoi dubbi...
      Purtroppo adesso, dopo 3 o 4 anni da questo post, mi trovo nella tua stessa situazione!
      Che a fine inverno perda tutte le foglie, qui da noi è abbastanza normale, ma è altrettanto normale che a breve tempo ne rimetta di nouve!
      A differenza tua, l'ho lasciata in esterno, ma ben riparata e visto l'inverno mite ho la speranza che sia sopravvissuta al freddo. Però siamo a metà giugno e di nuove foglie nemmeno l'ombra pure sulla mia.
      Ho solo una piccola speranza: all'apice del fusto spinoso, la 'punta'è di color verde (mentre il fusto tende al marrone) questa cosa mi fa dedurre che non sia né seccata né marcita. Quindi per farla breve, le darò ancora fel tempo, speranzoso che si riprenda e ti do lo stesso consigio. Prova a verificare che anche l'apice della tua 'pelalmetta' dia ancora segni di vita e... tra un po' fammi sapere!
      A presto (con buone notizie spero)

      Elimina
    2. 'pelalmetta' in realtà era palmetta!:-)

      Elimina
  4. Grazie mille per aver risposto e per avermi dato almeno una piccola speranza! A me, dopo un'attenta osservazione, pare sia del medesimo colore dappertutto, ma sinceramente non so dirti se tende al verde o al marrone, perché è un colore fin troppo indefinito! In ogni caso, mi da fiducia di "sana e robusta costituzione, quindi seguirò il tuo consiglio. L'ho appena spostata in un punto maggiormente soleggiato. Incrociamo le dita. Ti terrò al corrente.

    Di nuovo grazie, a presto!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego! Dobbiamo solo portare pazienza e sperare...
      Voglio essere ottimista!
      Attendo news!
      Ciao

      Elimina

Powered by Blogger.