Tenerife: il Pino Gordo

Oggi vi porto a conoscere un gigante, un "monumento" che potete trovare solo a Tenerife, anche se in altri paesi Europei, ed anche in alcune regioni d'Italia, ne esistono di grandi esemplari.
Un monumento vivo e vegeto e non di pietra: il Pino Gordo ("grasso").
Per incontrarlo bisogna dirigersi verso l'interno dell'isola, nella località di Vilaflor, un villaggio che detiene il primato di comune più alto di Spagna, a circa 1.400 metri sul livello del mare, ma oltre a questo record, ha la fortuna di ospitare nel suo territorio il Pinus canariensis più grande di tutto l'arcipelago delle Canarie.
Lasciato il grazioso centro abitato di Vilaflor (ne parlerò in un altro post) si prende la strada che porta al Teide, e poco oltre lo si vede svettare sugli altri alberi.


Infatti vanta misure non indifferenti: è alto più di 45 mt e ha un diametro del tronco alla base di più di 9!
Ecco il cartello con le misure esatte:


Sembra che la sua età sia compresa tra i 900 ed i 1100 anni e spero sinceramente che riesca a viverne altrettanti.
Per quanto mi riguarda, non ho mai avuto il piacere di vedere una pianta di simili dimensioni e di questa età.
E devo dire che fa un certo effetto trovarsi così vicino a questo gigante buono.



Le foto come sempre non rendono bene, ma vi basti sapere che per abbracciarlo servirebbero all'incirca 8 persone!
Forse questa che mi ritrae a braccia aperte riesce a dare un'idea un poco più chiara.


Ma che tipo di pianta è il Pinus canariensis?
E' una conifera endemica (esclusiva di un determinato territorio), con una corteccia liscia negli esemplari giovani, che col passare del tempo si ispessisce e si riempie di crepe.




La caratteristica che contraddistingue questi alberi è la resistenza al fuoco: grazie all'enorme spessore della corteccia esterna, le parti vitali spesso sopravvivono isolate dal calore, permettendo alla pianta di rigenerarsi.
Ma il Pino Gordo in questa zona dell'isola è solo uno degli innumerevoli esemplari di questa specie, che formano una corona tutta intorno al vulcano Teide e sono compresi all'interno del Parco naturale della corona forestal.


Un polmone verde di più i 46.000 ettari, dove fare lunghissime e a volte ripidissime passeggiate immersi nella natura avvolti dall'intenso profumo emanato dai pini.

14 commenti:

  1. Come forse si è capito io adoro gli alberi e questo è bellissimo!
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si che si è capito: se non li adori tu che li addobbi e scrivi su di loro bellissime frasi...
      :-)
      Ammetto che vedere un esemplare simile mi ha commosso e fatto provare una sensazione di profondo rispetto come non mi era mai accaduto prima.
      E come dici tu: è bellissimo!
      Ciao

      Elimina
  2. Da amante delle conifere non posso far altro che applaudire per questo tuo post. Il Pinus canariensis è un vero e proprio carrarmato vegetale! È tra le poche conifere che riesce a rivegetare da grossi tagli o potature! Come dici bene tu, è molto resistente a tutte le intemperie!

    Un saluto! E che tempo splendido che si vede nelle foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo ti sarebbe piaciuta... ce la vedrei bene nel tuo "altro" terreno.
      Chissà se le condizioni sarebbero adatte.
      Il tempo quel giorno era stupendo, ma la prima notte mi ha dato il benvenuto una tempesta esagerata!!!
      Ciao Pontos e buona settimana.

      Elimina
  3. E' spettacolare!
    Grazie Jampy e buona serata!
    Ciao
    Luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla Luci@!!!
      Si, è davvero uno spettacolo.
      Ma ho altre piacevoli sorprese da Tenerife...
      Un poco alla volta posteró tutto.
      Ciao

      Elimina
  4. Non so se ti rivolgeró piú la parola.... Non ho ancora mandato giú tutte le tue Gaure di Allau....
    :-)
    Ciao Laura!

    RispondiElimina
  5. Ma che bello!!! È davvero impressionante, hai fatto bene a mettere la foto dove ci sei anche tu perché così si capisce bene quanto sia imponente... che sorprese da Tenerife, non immaginavo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza alcun riferimento, in foto si perde il senso della misura e non si capiva l'enorme dimensione di quell'albero, per questo ho dovuto fare il 'misurometro'. :-)
      Di sorprese ce ne sono ancora altre...
      Ciao Cristina e buona settimana.

      Elimina
  6. Pensa quante storie potrebbe raccontare questo albero, dopo mille e più anni di vita... che meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio che ne avrebbe molte di cose da dire...
      Ciao Iolle

      Elimina
  7. Grazie per avermi dato la possibilità di cconoscere la storia di questo albero. ..che spettacolo la natura in ogni sua forma .ciao da valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potevo non parlarne. Uno spettacolo cosí va assolutamente condiviso!
      Ciao Valentina

      Elimina

Powered by Blogger.